Area Clienti Mappa del sito Contatti English
ing-sis_ban

Nel campo dell’Ingegneria Sismica, della  Sismologia e della Dinamica dei Terreni, lo Studio Geotecnico Italiano Ŕ internazionalmente riconosciuto per la capacitÓ nel condurre studi di pericolositÓ sismica, necessari per determinare i terremoti di progetto per importanti infrastrutture, quali centrali termonucleari, grandi ponti e viadotti autostradali, terminali GNL e strutture portuali.
Tali studi richiedono la definizione di modelli delle sorgenti dei terremoti per la regione di interesse, il processamento dei cataloghi dei terremoti, la scelta di modelli di attenuazione del moto sismico del suolo, la costruzione di un albero logico per il trattamento delle incertezze, il calcolo probabilistico (o deterministico) degli spettri elastici di risposta su roccia e al sito di progetto e la selezione di accelerogrammi appropriati per rappresentare il moto del suolo atteso al sito. Per impianti industriali che occupano aree estese gli studi di pericolositÓ possono assumere la forma di micro zonazione sismica, in cui le variazioni del moto sismico del suolo vengono stimate anche su brevi distanze, in presenza di variazioni significative della geologia di superficie e del profilo di proprietÓ meccaniche del suolo.

Nel campo contiguo dell’Ingegneria Sismica Geotecnica, lo Studio Geotecnico Italiano dispone di vasta esperienza nell’analisi di stabilitÓ dei terreni di fondazione e di geostrutture, compresa la valutazione del pericolo di liquefazione e dei cedimenti causati dai carichi ciclici di natura sismica.
Le analisi vengono eseguite sia con i metodi semplificati, sia tramite analisi numeriche avanzate alle tensioni efficaci, con modelli non lineari a elementi finiti che impiegano legami costitutivi appropriati. I risultati di tali analisi forniscono una base ideale per la scelta di misure rimediali, quali compattazione dinamica, vibroflottazione, pali di ghiaia.

L’interazione dinamica terreno–fondazione Ŕ un ulteriore tema specializzato su cui lo Studio Geotecnico Italiano opera da molti anni fornendo ai progettisti strutturali e meccanici i parametri necessari per valutare l’impatto ambientale prodotto da macchine vibranti di diverso tipo (compressori, turbine e altre) e, in particolare, quelli necessari per introdurre correttamente nelle analisi strutturali le condizioni di interfaccia tra fondazioni (superficiali e profonde) e terreno. Alla luce delle normative di riferimento (Eurocodice 8 - Parte 5), possono venire calcolate anche le azioni interne generate nei pali dalla propagazione delle onde sismiche nel terreno.